Dammusi in vendita a Pantelleria, nuovi in costruzione

Fondali ricchi di storia, flora e fauna

Pantelleria: immersioni da favola vicino ai dammusi in vendita

Pantelleria è un paradiso per i sub, sia principianti che esperti. Le località che offrono le immersioni meno impegnative sono Cala Gadir, dove è possibile ammirare un importante percorso archeologico subacqueo, tra i primi in Italia, che testimonia la vivace attività commerciale del porticciolo nell'antichità. Qui si possono infatti osservare, in un percorso guidato, reperti come le anfore puniche, greche e romane e i resti delle tante imbarcazioni naufragate nella zona, tra cui diverse ancore.

Un'altra semplice ma affascinante immersione è possibile a Cala Armani, dove un altro percorso guidato conduce alla scoperta di numerosi reperti fenici e romani, circondati da coloratissimi pesci.

Un “reperto” più recente è visibile invece a Cala Tramontana. Si tratta dello “Ras Jedir”, un peschereccio libico affondato nel 2002 mentre trasportava 41 migranti, tutti fortunatamente tratti in salvo dalla Guardia Costiera. Molto belli gli effetti di luce lungo lo scafo. Il relitto spunta a pelo dell'acqua a 5 metri dalla riva, l'immersione è quindi facile e alla portata di tutti. Ma anche la stessa Cala Tramontana è un'immersione tra le più belle dell'isola. Una frana sprofonda fino a 28 metri in un letto di sabbia bianchissima tra due enormi pareti laviche. Dotti, cernie, dentici, saraghi e ricciole non mancano fin dai primi metri.

Un'immersione che coniuga aspetti naturalistici e di archeologia subacquea è quella alla Martignana. Una gigantesca colata di roccia vulcanica si stende dalla costa fino a 40 metri di profondità, dove si tuffa nella sabbia. Si formano così due monumentali pareti dense di colori nei cui anfratti si nascondono cernie brune, murene giganti, polpi, aragoste, dentici e ricciole. Alla base delle pareti si trovano delle belle pinne nobilis di straordinarie dimensioni. Al loro interno si possono osservare, con un po' di attenzione, anche i gamberetti pulitori che vivono in simbiosi con loro. Sul fondo sabbioso giacciono resti di vecchie reti a strascico, ormai ricoperte di spugne e incrostazioni madreporiche tipiche del mediterraneo. A circa 25 metri si trova invece un'ancora litica, testimonianza di antichi naufragi.

Anche a Punta Limarsi la ricca fauna, composta da dentici, ricciole, cernie brune, murene, aragoste e grossi polpi, si sposa con i reperti archeologici, in questo caso una grossa mina che si trova a 32 metri. L'immersione è abbastanza semplice, con una parte che scende lentamente fino a 40 metri di profondità.

Chi ama le sensazioni forti troverà invece pane per i suoi denti a Punta Spadillo , dove uno strapiombo porta dritti a -185 metri. Si può rimanere a bassa profondità, quasi sospesi nel vuoto, o scendere ad esplorare le conformazioni di roccia vulcanica e scoprire le tane ci cernie e murene. In entrambi i casi gli appassionati di fotografia subaquea potranno realizzare magnifici scatti, magari cogliendo famiglie di pesci pappagallo tra i controluce delle rocce. Altra immersione impegnativa è quella nella secca di Nikà , a causa delle forti correnti. Offre però la possibilità di vedere da vicino murene, musdee, aragoste, ricciole e dentici.

Vicino a Nikà offrono possibilità di splendide immersioni anche il Taglio di Scauri, caratterizzato dal pregevole balcone sulla sabbia che ospita ricciole, dentici, aragoste e spirografi, e Punta Tre Pietre, un'immersione facile ma che dà modo di osservare diverse murene, oltre a coralli, sferococchi, axinelle e ricciole.

Il Faraglione di Punta Tracino è l'immersione più famosa dell'isola. Il fondale dapprima degrada dolcemente fino a 30 metri di profondità, poi sprofonda negli abissi formando dei terrazzi ricoperti da gorgonie rosse dove si può incontrare il corallo nero. Ricchissima la fauna composta da dotti giganti, saraghi, cernie brune, corvine, astroides, nudibranchi, gorgonie e tanto altro. Un altro punto particolarmente ricco di vita è Punta Ruba Sacchi . Qui si trovano cernie brune, murene giganti, polpi, aragoste, dentici e ricciole, una parete ricca di colori con splendidi nudibranchi e nuvole di castagnole, ed in più gorgonie da sogno.

Ma l'isola offre tantissimi altri punti di immersione da esplorare: Secca di Campobello, Punta Liscetto, Cala Levante, l’Elefante, Punta Limarsi, Scauri, Punta Tre Pietre...

Pantelleria: un mondo a parte

  • Un'isola figlia del fuoco +

    Fin dal primo sguardo ci si rende conto di come Pantelleria sia un'isola unica. È formata da rocce verdi tanto Leggi tutto
  • Una terra ricca di storia +

    La posizione strategica e la fertilità del suolo hanno reso Pantelleria un luogo ambito da parte di tutte le civiltà Leggi tutto
  • Un manto verde primordiale intatto +

    Pantelleria alterna scenari aspri con altri straordinariamente lussureggianti. È infatti una delle pochissime isole italiane a mantenere pressoché intatto il Leggi tutto
  • La figlia del vento +

    A Pantelleria il vento soffia, in media, 337 giorni all'anno. Non a caso gli arabi la chiamavano “bent el-rhia”: figlia Leggi tutto
  • Sapori unici +

    Pantelleria è famosa nel mondo per due specialità: il vino (moscato e passito) e i capperi. La coltivazione della vite Leggi tutto
  • 1

I nostri dammusi in vendita

Se sei interessato all'acquisto di un dammuso guarda quelli che stiamo costruendo vicino a Nikà.

Vai ai dammusi in costruzione